Lungarno del Tempio 54, Firenze
+39-3208051037
info@politicipercaso.it

La prima PDL sulle Assemblee dei cittadini e sul clima, Roma, Cassazione – 20/12/2019

Dopo il fallimento della COP25, subito un’Assemblea dei Cittadini estratti a sorte.
Il 20 dicembre è stata depositata in Cassazione una proposta di legge di iniziativa popolare. Alle ore 9.30 c’è stato l’incontro con la stampa.

Venerdì 20 Dicembre è stata depositata presso l’Ufficio centrale della Corte di Cassazione una proposta di legge di iniziativa popolare per l’istituzione in Italia delle “Assemblee dei Cittadini”, una forma innovativa di partecipazione alla vita democratica.

​Si tratta di una pratica diffusa a livello internazionale e conosciuta come Citizens’ Assembly, che consiste nell’affidare a un’assemblea di cittadini sorteggiati in base a specifici criteri, affiancati da esperti, l’analisi e l’indirizzo su questioni di interesse generale su cui la democrazia elettorale non riesce a dare soluzioni adeguate.

​Tra i promotori della proposta di legge erano presenti in Cassazione:

​Marco Cappato – fondatore del movimento di iniziativa popolare Eumans, Mario Staderini – protagonista di iniziative politico-legali a difesa dei diritti politici dei cittadini, Lorenzo Mineo – coordinatore di Democrazia Radicale, Samuele Nannoni e Marco Sciolis – fondatori di Oderal, Filomena Gallo – segretaria dell’Associazione Luca Coscioni, Leonardo Monaco – segretario di Certi diritti, Carlo Maresca – coordinatore dell’Iniziativa dei Cittadini Europei per il Carbon Pricing – StopGlobalWarming.eu, insieme ad attivisti di Extintion Rebellion Italia e altri movimenti ambientalisti presenti a titolo individuale.

La proposta di legge, infatti, prevede che la prima “Assemblea dei cittadini” istituita sia sul tema del contrasto ai cambiamenti climatici, come richiesto in vari Paesi da movimenti ecologisti internazionali. Anche in Francia, il Presidente Macron ha avviato la “Convenzione cittadina per il clima”, che sta vedendo la partecipazione di 150 cittadini.

Alle ore 9.30, i promotori hanno incontrato la stampa per spiegare le ragioni e gli obiettivi della proposta di legge, sulla quale sarà avviata la raccolta delle cinquantamila sottoscrizioni previste dalla Costituzione.

L’evento è stato riportato anche dalla stampa. Qui un articolo de Il Fatto Quotidiano.

Approfondisci
La proposta di legge di iniziativa popolare sulle assemblee dei cittadini

L’incontro del 15 luglio 2019 alla Camera dei Deputati Citizens’Assembly: una risposta alla crisi della democrazia elettorale

La prima PDL sulle Assemblee dei cittadini e sul clima, Roma, Cassazione – 20/12/2019

Dopo il fallimento della COP25, subito un’Assemblea dei Cittadini estratti a sorte.
Il 20 dicembre è stata depositata in Cassazione una proposta di legge di iniziativa popolare. Alle ore 9.30 c’è stato l’incontro con la stampa.

Venerdì 20 Dicembre è stata depositata presso l’Ufficio centrale della Corte di Cassazione una proposta di legge di iniziativa popolare per l’istituzione in Italia delle “Assemblee dei Cittadini”, una forma innovativa di partecipazione alla vita democratica.

​Si tratta di una pratica diffusa a livello internazionale e conosciuta come Citizens’ Assembly, che consiste nell’affidare a un’assemblea di cittadini sorteggiati in base a specifici criteri, affiancati da esperti, l’analisi e l’indirizzo su questioni di interesse generale su cui la democrazia elettorale non riesce a dare soluzioni adeguate.

​Tra i promotori della proposta di legge erano presenti in Cassazione:

​Marco Cappato – fondatore del movimento di iniziativa popolare Eumans, Mario Staderini – protagonista di iniziative politico-legali a difesa dei diritti politici dei cittadini, Lorenzo Mineo – coordinatore di Democrazia Radicale, Samuele Nannoni e Marco Sciolis – fondatori di Oderal, Filomena Gallo – segretaria dell’Associazione Luca Coscioni, Leonardo Monaco – segretario di Certi diritti, Carlo Maresca – coordinatore dell’Iniziativa dei Cittadini Europei per il Carbon Pricing – StopGlobalWarming.eu, insieme ad attivisti di Extintion Rebellion Italia e altri movimenti ambientalisti presenti a titolo individuale.

La proposta di legge, infatti, prevede che la prima “Assemblea dei cittadini” istituita sia sul tema del contrasto ai cambiamenti climatici, come richiesto in vari Paesi da movimenti ecologisti internazionali. Anche in Francia, il Presidente Macron ha avviato la “Convenzione cittadina per il clima”, che sta vedendo la partecipazione di 150 cittadini.

Alle ore 9.30, i promotori hanno incontrato la stampa per spiegare le ragioni e gli obiettivi della proposta di legge, sulla quale sarà avviata la raccolta delle cinquantamila sottoscrizioni previste dalla Costituzione.

L’evento è stato riportato anche dalla stampa. Qui un articolo de Il Fatto Quotidiano.

Approfondisci
La proposta di legge di iniziativa popolare sulle assemblee dei cittadini

L’incontro del 15 luglio 2019 alla Camera dei Deputati Citizens’Assembly: una risposta alla crisi della democrazia elettorale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *